Gestione rifiuti Covid 19 – Post emergenza

Istituto Superiore della Sanità - Aggiornamento linee guida in merito alla gestione dei rifiuti urbani.

Rifiuti urbani provenienti da abitazioni nelle quali siano presenti soggetti positivi a COVID-19

Si raccomanda che nelle abitazioni in cui siano presenti soggetti positivi a CoVid-19, si pongano in essere le procedure di seguito descritte.

Mantenimento della raccolta differenziata, ove in essere, ma con i seguenti opportuni accorgimenti:

− confezionare tutte le tipologie di rifiuti secondo le regole vigenti sul territorio relative alla raccolta differenziata in modo da non danneggiare e/o contaminare esternamente i sacchi. Ogni qualvolta siano presenti oggetti taglienti, a punta o comunque in grado di provocare lacerazioni dell’involucro (oggetti o frammenti in vetro o metallo), si raccomanda di eseguirne il conferimento con particolare cura (es. avvolgendoli in carta o panni) per evitare di produrre lacerazioni dei sacchi con conseguente rischio di fuoriuscita del loro contenuto.

 

Per tutte le frazioni dovranno essere utilizzati almeno due sacchetti uno dentro l’altro (della stessa tipologia prevista per la frazione raccolta) o in numero maggiore in dipendenza della loro resistenza meccanica.

diversamente, fazzoletti di carta, carta in rotoli, mascherine e guanti, tamponi per test per autodiagnosi Covid-19, ecc. dovranno essere inseriti in una busta separata e chiusa, prima di essere introdotti nel sacco dei rifiuti indifferenziati.

 

Tale scelta è stata determinata per limitare il più possibile errori nella raccolta e nel conferimento dei rifiuti a salvaguardia della sicurezza in ambito domestico e della salute degli operatori ecologici addetti alla raccolta dei rifiuti.

 

Si raccomanda in generale di:

  1. chiudere adeguatamente i sacchi eventualmente utilizzando guanti monouso;
  2. non schiacciare e comprimere i sacchi con le mani;
  3. evitare l’accesso di animali da compagnia ai locali dove sono presenti sacchetti di rifiuti;
  4. far smaltire il rifiuto dalla propria abitazione con le procedure in vigore sul territorio.
  5. I guanti monouso utilizzati per l’operazione dovranno essere rimossi rovesciandoli (per evitare che vengano a contatto con la cute) ed essere eliminati nel successivo sacco di rifiuti indifferenziati.

 

Rifiuti urbani provenienti da abitazioni nelle quali non siano presenti soggetti positivi a COVID-19

Si raccomanda di mantenere le modalità di raccolta e le procedure in vigore nel territorio di appartenenza, non interrompendo la raccolta differenziata.

Tuttavia, si raccomanda comunque che, a scopo cautelativo, fazzoletti di carta, carta in rotoli, mascherine e guanti, tamponi per test per autodiagnosi COVID-19 eventualmente utilizzati, siano smaltiti nei contenitori (sacchi o buste) dei rifiuti indifferenziati.

 

Raccomandazioni per gli operatori del settore di raccolta dei rifiuti

Relativamente agli operatori del settore dell’igiene ambientale (Raccolta e Smaltimento Rifiuti) si raccomanda l’adozione di dispositivi di protezione individuale (DPI), come da gestione ordinaria, in particolare di mascherine (filtranti facciali FFP2 o FFP3), compatibilmente con la valutazione del rischio in essere in azienda. Il personale che esegue la raccolta e il trasporto dei rifiuti dovrà essere adeguatamente formato e informato. Per attività che prevedono il sollevamento di polveri grossolane, polline, terriccio, e analoghi, potrebbe essere possibile l’utilizzo di una doppia maschera chirurgica.

Alla luce delle conoscenze scientifiche attualmente disponibili e delle principali modalità di trasmissione di questa malattia (droplet e aerosol), le mascherine chirurgiche opportunamente certificate e preferibilmente del tipo IIR o equivalente, in grado di proteggere l’operatore che le indossa da schizzi e spruzzi, rappresentano una protezione sufficiente nella maggior parte dei casi, come indicato nel Rapporto ISS COVID-19 n. 2/2020 Rev. […].

 

Raccomandazioni per le aziende di raccolta e gestione dei rifiuti

L’Azienda è tenuta ad essere a conoscenza della procedura di raccolta dei rifiuti così come sopra descritta e ne dovrà dare comunicazione agli utenti. In particolare, l’Azienda sarà tenuta a segnalare che, ove siano presenti soggetti positivi a COVID-19 si intende mantenuta la raccolta differenziata nelle abitazioni, con gli accorgimenti sopra descritti. Pertanto, in questi casi, tutti i rifiuti prodotti da tali soggetti, confezionati in un doppio sacco, idoneo rispetto alla frazione differenziata raccolta (es. doppio involucro compostabile per la frazione umida) e come già descritto sopra, dovranno continuare ad essere conferiti secondo la frazione di appartenenza.

Alla luce delle conoscenze scientifiche attualmente disponibili e delle principali modalità di trasmissione di COVID-19 (droplet e aerosol), per alcune attività che non presentano particolari rischi di esposizione professionale è consentito fare ricorso a mascherine chirurgiche opportunamente certificate e preferibilmente del tipo IIR o equivalente, quali dispositivi idonei a proteggere gli operatori, in alternativa ai facciali filtranti e comunque si raccomanda di seguire gli aggiornamenti previsti dalle normative.

Per le attività di raccolta e smaltimento rifiuti urbani si raccomanda:

  • la pulizia delle tute e degli indumenti da lavoro, a temperature tra i 55°C e i 60°C e comunque con prodotti disinfettanti idonei. Ove possibile, si raccomanda di effettuare la pulizia in maniera centralizzata;
  • la predisposizione di appositi contenitori per i DPI (guanti monouso, mascherine chirurgiche, facciali filtranti da avviare a smaltimento);
  • la disponibilità di un dosatore di disinfettante a base alcolica (almeno 75%v/v).

Inoltre, si raccomanda la sanificazione della cabina di guida di tutti i mezzi utilizzati per la raccolta dei diversi tipi di rifiuti urbani, dopo ogni ciclo/turno di lavoro (volante, cambio, ecc.). Periodicamente andrà prestata attenzione ai tessuti dei sedili che possono rappresentare un sito di maggiore persistenza del virus. A tale scopo si raccomanda:

  • di non utilizzare aria compressa e/o acqua sotto pressione per la pulizia, o altri metodi che possono produrre spruzzi o possono aerosolizzare materiale infettivo nell’ambiente. L’aspirapolvere deve essere utilizzata solo dopo un’adeguata disinfezione;
  • l’uso di disinfettanti (es. a base di alcol almeno al 75% volume/volume) in confezione spray.

I rifiuti urbani indifferenziati dovranno essere gestiti come di seguito descritto:

  • […];
  • avvio, dopo la raccolta, ad impianti di Trattamento Meccanico-Biologico (TMB) dove dovranno essere avviati alla fase di selezione meccanica preferibilmente evitando il passaggio da eventuali stazioni di trasferenza;
  • solo per le zone dove sia stata dichiarata una situazione di emergenza per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti, avvio diretto, dopo la raccolta, ad impianti di discarica, preferibilmente evitando il passaggio da eventuali stazioni di trasferenza.

 

Si suggerisce inoltre di procedere il più rapidamente possibile alla sanificazione del cassone del mezzo utilizzato per il trasporto del rifiuto raccolto.

 

I rifiuti derivanti da raccolta differenziata dovranno essere gestiti come di seguito descritto:

  • avvio agli impianti di effettivo recupero limitando il più possibile stazioni di trasferenza;
  • qualora eseguite, riduzione quanto più possibile delle eventuali operazioni di ricondizionamento, selezione e trattamento manuale.
  • nel caso di necessità di manipolazione del rifiuto o di manutenzione degli impianti in aree in cui è presente il rifiuto, è necessario utilizzare idonei DPI come da Valutazione del rischio.

Allegati

  • png istruzioni
    Dimensione file: 974 KB Downloads: 132